domenica 22 settembre 2013

Mille e una notte Alf layla wa-layla


Molti dei Racconti di Baghdad" Dar al-Salam", "Sede della pace" , uno dei cicli di racconti delle Mille e una notte sono ambientati qui, in una delle più belle e colte città arabe di sempre, sede della prima università del mondo. Prima dell'invasione dei Mongoli Baghdad era infatti il più grande centro culturale ed economico del mondo islamico, bella, profumata e cosmopolita .Le mille e una notte, Alf layla wa-layla è una celebre raccolta di novelle orientali, datata attorno al X secolo, di varia ambientazione storico-geografica, composta da differenti autori.
È incentrata sul re Shahriyar, che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, uccide sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. Un giorno, Sharazad, figlia maggiore del Gran Visir, decide di offrirsi volontariamente come sposa al sovrano, avendo escogitato un piano per placare l'ira dell'uomo contro il genere femminile. Così la bella e intelligente ragazza, per far cessare l'eccidio e non essere lei stessa uccisa, attua il suo piano con l'aiuto della sorella: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte (che è un modo di dire per indicare un periodo di tempo molto lungo); e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita. Ciascuna delle storie principali delle Mille e una notte è quindi narrata da Sherazad; e questa narrazione nella narrazione viene riprodotta su scale minori, con storie raccontate dai personaggi delle storie di Sherazad, e così via.

Nessun commento:

Posta un commento